Per molti italiani la macchina è un oggetto di grande valore, da trattare con la massima cura. Eppure, c’è sempre un pericolo in agguato: il furto. E oggi più che mai l’allerta è alta, perché dopo 5 anni di costante, graduale calo, il numero dei furti d’auto nel nostro Paese è ritornato a crescere. Secondo i primi dati elaborati dal Ministero dell’Interno, nel 2018 sono stati 105.239 gli autoveicoli sottratti, +5,2% rispetto ai 99.987 registrati nel 2017. Un dato preoccupante, specie se si considera che la percentuale di auto rubate ritrovate si attesta solo al 40%. I consigli degli esperti Per mettere al sicuro la propria quattroruote, specie di questi tempi dove le nuove modalità hi-tech consentono di forzare un’auto e metterla in moto anche in meno di 60 secondi, arrivano i consigli degli esperti di LoJack, realtà specializzata nel rilevamento e recupero di auto rubate. Pronto quindi il decalogo, particolarmente utile quando si entra nel clima vacanziero e si rischia di essere più distratti del solito. Il vademecum prevede indicazione che solo in apparenza possono sembrare banali e suggerimenti per contrastare le nuove modalità hi-tech di sottrazione. In moto e al parcheggio Ecco le principali dritte. Non lasciare l’auto accesa e con le chiavi inserite, nemmeno per pochi secondi (come quando si è in doppia fila); anche se fa caldo, prima di lasciare l’auto chiudere sempre i finestrini e il tettuccio: ai ladri esperti servono solo pochi centimetri per fare il colpaccio. Non lasciare l’auto di notte in parcheggi isolati o incustoditi. Anche se, soprattutto nel periodo estivo, non si usa quotidianamente l’auto, verificare ogni giorno che sia parcheggiata nel punto in cui è stata lasciata. Denunciare subito l’eventuale furto aumenta la possibilità di ritrovare la vettura, specie se questa è dotata di un dispositivo di rilevamento hi-tech. E’ utile osservare con attenzione il luogo in cui si parcheggia: se per terra ci sono frammenti di vetro, è sego che l’area è a rischio furto o vandalismo. Non parcheggiare sempre nello stesso posto, le abitudini danno modo al ladro di organizzare al meglio il furto. Attenzione alle truffe Sempre più spesso i ladri utilizzano un escamotage come un finto incidente (con la tecnica dello specchietto, il lancio di piccole pietre sul fianco dell’auto o ancora un lieve tamponamento) per costringere i guidatori (soprattutto donne e anziani) a fermarsi, scendere dall’auto e sottrargliela. In autostrada quando si sosta all’autogrill o quando si parcheggia in un centro commerciale e si chiude la vettura a distanza tramite una smart key, controllare sempre manualmente l’avvenuta chiusura delle portiere. Un ladro, appostato nelle vicinanze, potrebbe aver disturbato il segnale con un jammer per poi entrare indisturbato nel veicolo. Sì alla protezione Per mettersi al riparo da questo genere di furti, è utile installare sulla propria vettura un sistema di antifurto. Ancora, si consiglia di proteggere la chiave della macchina, custodendola in un “card protector” che ne impedisca la clonazione o che blocchi la sempre più diffusa modalità di furto hi-tech “relay attack”, con la quale i ladri, utilizzando ripetitori in radiofrequenza, riescono a riprodurre la comunicazione tra l’auto e la sua chiave.

Sarà per la tanto decantata dite mediterranea, oppure per un sistema sanitario che tutto sommato funziona, o forse ancora per una genetica super: fatto sta che l’Italia è diventato il paese dei centenari. Proprio la nostra nazione, insieme alla Francia, detiene il record europeo del numero di ultracentenari. Al 1 gennaio 2019 i centenari residenti in Italia sono 14.456, in gran parte signore (ben l’84%). Il dato sulla longevità tricolore emerge dalle ultime rilevazioni dell’Istat, secondo le quali tra il 2009 e il 2019 sono 5.882 gli individui che hanno raggiunto l’importante traguardo dei 105 anni di età (semi-supercentenari): sono 709 maschi e 5.173 femmine. Di questi, 1.112 sono ancora vivi al 1 gennaio 2019. Nell’arco temporale considerato, l’incremento della popolazione semi-supercentenaria è costante e superiore al 100%: numeri davvero significativi.

Nel Nord Italia si vive più a lungo

Come anticipato, probabilmente questo fenomeno può essere parzialmente spiegato dal fatto che chi raggiunge la soglia dei 105 anni gode di un’elevata longevità legata a un fattore genetico. Anche gli individui di 110 anni e oltre sono cresciuti fortemente, passando da 10 a 21. “A oggi la persona vivente più longeva d’Italia è una donna di 113 anni residente in Emilia-Romagna” riporta una nota dell’Adnkronos, che sottolinea che comunque l’elisir di lunga vita sembra concentrarsi più al Nord che nelle altre aree dello Stivale. Tra gli italiani di oltre 105 anni, infatti, 338 risiedono nel Nord-ovest, 225 nel Nord-est, 207 al Centro, 230 al Sud e 112 nelle Isole. La regione con il rapporto più alto tra semi-supercentenari e il totale della popolazione residente alla stessa data è la Liguria (3,3 per 100 mila), seguita da Friuli-Venezia Giulia (3,0 per 100 mila) e Molise (2,6 per 100 mila). La Lombardia, nonostante abbia il maggior numero di semi-supercentenari in valore assoluto (201), presenta un rapporto tra popolazione di 105 anni e oltre e quella totale residente pari a 2,0 per 100 mila, in linea con il dato nazionale (1,9 per 100 mila). La distribuzione regionale cambia analizzando il rapporto tra la popolazione semi-supercentenaria e la popolazione residente di 80 anni e più: con circa 36 persone di 105 anni e oltre ogni 100 mila residenti con più di 79 anni il Friuli-Venezia Giulia si posiziona al primo posto.

Le donne hanno i superpoteri

Infine, un dato che conferma la migliore “tenuta” delle signore rispetto ai signori.  Al 1 gennaio 2019, rileva l’Istat, quasi il 90% delle persone che hanno superato i 105 anni è composto da donne, se ne contano 2.564 (86,8%) contro 391 uomini (13,2%). La maggiore longevità del genere femminile si riscontra anche tra chi ha raggiunto e superato i 110 anni di età, difatti il 100% di tali individui è composto da donne.

Over Motel | Wellness Suite a Monza

La zona tra Monza e Milano è particolarmente frequentata da quanti si spostano per motivi di business o da parte di coloro che raggiungono appositamente quest’area da qualsiasi altra regione italiana sempre per motivi di lavoro. Questo è il motivo per il quale sono in tanti ad avere bisogno di strutture ricettive in zona in grado di assicurare un valido riposo, ma soprattutto che consentano di spostarsi velocemente da Monza a Milano e viceversa, in base agli impegni del giorno. In questo senso l’Over Motel è uno dei più gettonati tra gli alberghi  di Monza proprio per la sua posizione strategica che consente di raggiungere facilmente Milano, ma non solo.

Le camere infatti, mettono a totale agio i clienti consentendo loro di riposare in maniera ottimale tra un impegno di lavoro e l’altro. Inoltre questo motel Monza mette a disposizione degli utenti dei mini box parcheggio privati con accesso fronte camera, in questa maniera il cliente può tranquillamente parcheggiare la propria vettura nei pressi della propria camera e non avere dunque alcun tipo di pensiero in merito. Inoltre, grazie ad una apposita tenda motorizzata, è possibile chiudere la visuale e garantirsi così tutta la privacy di cui si avverte la necessità.

L’Over Motel mette inoltre a disposizione degli utenti della camere che hanno un proprio centro benessere, dunque ad uso esclusivo degli ospiti della camera, che consente di ottenere un riposo ed un relax ancora più profondi ed efficaci, grazie all’hammam o all’idromassaggio o qualsiasi altro dei trattamenti che il cliente desidera di concedersi In occasione della sua permanenza in struttura. L’Over Motel è dunque un’occasione unica per coniugare un impegno di lavoro ad un momento di piacevole benessere, in una struttura finemente arredata ed in grado di regalare agli ospiti tutto il benessere di cui hanno bisogno.

Italia, paese dei distributori automatici. Ne ha uno ogni 73 abitanti

Alla fine del 2018 negli uffici e nei luoghi pubblici italiani è stato raggiunto il numero di 822.175 vending machine, +1,4% rispetto all’anno precedente e pari a oltre 12mila macchine in più. Numeri che fanno dell’Italia il Paese europeo col maggior numero di distributori automatici installati, uno ogni 73 abitanti contro una media Ue di uno a 190. Al secondo posto la Francia, che ne conta circa 600 mila, e al terzo la Germania, con poco più di 550 mila.

Secondo l’ultimo studio di Confida, l’associazione italiana della distribuzione automatica, realizzato in collaborazione con Accenture, i distributori si trovano soprattutto nelle aziende private, il 34% nell’industria e il 17% nel commercio, e quasi il 20% nel pubblico, con scuola e università che rappresentano l’11% del totale, la sanità il 9%, e il 3% nei luoghi di transito (stazioni ferroviarie e della metropolitana).

Giro d’affari di 4 miliardi di euro per oltre 12 miliardi di consumazioni

“Nel 2018 il giro d’affari ha sfiorato i 4 miliardi di euro con oltre 12 miliardi di consumazioni complessive, tra cibi, bevande e caffè porzionato, per una crescita del 4,7% rispetto al 2017”, spiega Massimo Trapletti, presidente di Confida.

Nell’ultimo anno il fatturato legato ai soli distributori automatici è cresciuto del 3%, raggiungendo quasi i 2 miliardi di euro (1,92) con le consumazioni in aumento dello 0,8% (circa 5 miliardi). In media lo scorso anno ogni italiano ha effettuato 83 acquisti alle vending machine, quasi 2 a settimana.

Caffè e acqua i più gettonati

Delle 991 milioni bevande vendute ai distributori automatici (+0,3% rispetto al 2017) il caffè rappresenta il prodotto più consumato, con l’86% dei volumi del caldo, che corrispondono a 2,8 miliardi di consumazioni (+1,68%). L’acqua minerale naturale rappresenta invece il 77% del segmento (+0,43), ed è significativo l’incremento del tè freddo (+4%) con 60,3 milioni di consumazioni, degli sport drink con 9,6 milioni di confezioni (+7%) e degli energy drink con 1,8 milioni di consumazioni (+4,5%). Ma attraverso i distributori automatici non si acquistano più solo snack e bevande per una pausa veloce. I pasti pronti crescono infatti del 3,35%. Con al primo posto le pizze (70% dei volumi), seguite da insalate (18%) e pasti da scaldare (12%).

Anche per la distribuzione automatica il futuro è bio

“Per soddisfare i tanti gusti dei clienti – continua Trapletti – gli assortimenti proposti si stanno ampliando sempre più, ed è ormai un dato di fatto che le vending machine sono diventate per le persone un servizio imprescindibile durante le ore di lavoro o durante i loro spostamenti quotidiani”.

I dati di Confida evidenziano poi come il consumatore stia orientando progressivamente le scelte verso prodotti bio, con meno zuccheri, a km 0 e freschi. Gradimento crescente quindi per le bevande bio, a basso contenuto di zuccheri o vegane, ma anche per gli snack biologici, e gluten free, in aumento del 15% a volumi.

13 Cibo e salute, la tecnologia aiuterà a mangiare meglio

Una buona alimentazione è fondamentale per la prevenzione delle malattie Più salutismo, quindi, e meno gourmet: in un Paese come l’Italia, in cui la popolazione sta invecchiando rapidamente, cresce l’attenzione tramite un’alimentazione più corretta. Per il 66,7% degli italiani infatti nel futuro l’attenzione delle persone sarà rivolta sempre di più all’impatto dei cibi sulla salute, e meno al gusto. Il salutismo sta diventando la frontiera più avanzata dello stile alimentare italiano, almeno, secondo i risultati della ricerca del Censis “Mangiare smart per stare in salute. Il rapporto tra cibo, scienza e tecnologia visto dagli italiani”.

Il valore della tracciabilità e l’etichettatura dei prodotti

Secondo i risultati dello studio tra i criteri che guidano l’acquisto dei prodotti alimentari, sembra che il 94,4% degli italiani oggi ritenga “molto” o “abbastanza” importante poter disporre di informazioni complete sugli ingredienti, la provenienza e altri aspetti che consentano di definire la “biografia” degli alimenti. Per i consumatori la tracciabilità e l’etichettatura hanno un grande valore, perché mettono nelle condizioni di distinguere con appropriatezza quello che fa bene da quello che fa male.

La scienza non è una minaccia, ma una risorsa per disporre di cibo salutare

Per il 77,3% degli italiani, inoltre, la scienza e le nuove tecnologie sono una risorsa per la sicurezza, la qualità e l’impatto positivo sulla salute dei cibi. Il giudizio favorevole resta alto per ogni livello di scolarità, lo pensa infatti il 72,8% di chi ha la licenza media, il 77,3% dei diplomati, e il 79,2% dei laureati. Scienza e tecnologie per gli italiani non rappresentano perciò una minaccia, ma una risorsa essenziale per disporre di cibo salutare.

I media dovrebbero guidare nella scelta di alimenti che riducono i rischi di cronicità

Il 71,4% degli italiani, poi, riporta Askanews, quando tv, radio, giornali e testate web si occupano di alimentazione dovrebbero concentrarsi sui cibi che fanno bene e aiutano a vivere più a lungo e in buona salute. Di questo ne sono più convinti soprattutto gli anziani (il 76,8%), ma la percentuale è alta anche tra i millennial (il 63,5%). Dai media ci si attende quindi che aiutino le persone a scegliere i cibi salutari, quelli che riducono i rischi di cronicità e di non autosufficienza, confutando fake news e falsi miti sugli alimenti. Per il 61,9% degli italiani sui media infatti circolano ancora troppe notizie sbagliate o parziali sul cibo.

 

La mobilità elettrica raddoppia in Italia

Dalle circa 5.000 unità del 2017 alle circa 10.000 del 2018, nell’ultimo anno in Italia le vendite dei veicoli elettrici e ibridi sono raddoppiate: una crescita che fa ben sperare per il futuro. E come rileva il Rapporto di Fondazione Symbola in collaborazione con Enel X, negli ultimi due anni si è assistito anche a un maggior interesse per il tema dell’infrastrutturazione della rete di ricarica.

“La mobilità elettrica avrà un ruolo fondamentale per la progressiva decarbonizzazione della nostra economia. I benefici non sono solamente ambientali – spiega Francesco Starace, AD e Direttore Generale di Enel – la mobilità elettrica può rappresentare un’opportunità di sviluppo da cogliere per l’intero Paese”.

Nel mondo sono 5,3 milioni i veicoli elettrici per passeggeri o merci

Anche nel mondo la diffusione di auto elettriche cresce rapidamente. Attualmente ci sono 5,3 milioni di veicoli elettrici per passeggeri o merci (1,5 milioni nel 2016), di cui 2 milioni in Cina (+150% nel 2018 rispetto al 2017 ), e 1 milione negli Stati Uniti (+100% nell’ultimo anno). In Europa il primato è della Norvegia, dove circolano 250.000 auto elettriche a fronte di soli 5 milioni di abitanti. La crescita del mercato ha interessato però anche il settore della mobilità pubblica. Oggi circa il 20% delle flotte di bus a livello globale sono elettriche, con le città cinesi leader di questo trend, che rappresentano il 99% dello stock mondiale, riporta Askanews.

“Dotare il Paese di una rete di ricarica capillare”

Si stima che a oggi siano presenti sul territorio oltre 8.300 punti di ricarica pubblici. E a fine marzo è stato raggiunto un traguardo importante, con circa 5.700 nuovi punti di ricarica installati in tutta Italia. “Ci siamo posti l’obiettivo di dotare il Paese di una rete di ricarica capillare che permetta a chi guida un veicolo elettrico di percorrere l’Italia dalla Valle D’Aosta alla Sicilia senza paura di rimanere a piedi – afferma Francesco Venturini, Responsabile di Enel X -. Il nostro obiettivo è quello di installare circa 28.000 punti di ricarica al 2022, con un investimento complessivo fino a 300 milioni di euro”.

Nei prossimi 5-10 anni investimenti globali per circa 300 miliardi di dollari

L’ultimo Salone dell’automobile di Ginevra ha reso l’idea della quantità di modelli e soluzioni di mobilità sostenibile a zero emissioni. Secondo una ricerca di Reuters, evidenzia lo studio, gli investimenti a livello globale annunciati dalle case automobilistiche sui veicoli elettrici nei prossimi 5-10 anni ammonteranno a circa 300 miliardi di dollari. Quasi nessuna casa automobilistica manca all’appello, tutti i maggiori player mondiali stanno investendo nell’elettrico.

Gdpr, ecco come imparare a trattare i dati personali in stile “Camera Cafè”

Con l’avvento del Gdpr, i dipendenti di enti e aziende che trattano dati personali devono essere debitamente formati: questo prevede infatti la normativa sulla privacy. Per aiutare tutti quelli che si avvicinano a questa delicata, e difficile, materia, Federprivacy  ha ideato un corso online gratuito che prevede 10 videoclip realizzati come parodia della sitcom tv “Camera Café”. Al termine del percorso, il partecipante che supera il test di apprendimento riceve anche l’attestato di partecipazione di Federprivacy, la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali.

Le conoscenze richiesta ai Data Protection Officer

Da quanto è entrato in vigore il Gdpr, infatti, la normativa sulla protezione dei dati personali è diventata più complessa. Chi ambisce a svolgere il ruolo di Data Protection Officer deve necessariamente acquisire un notevole bagaglio di conoscenze. Soprattuto, in questo scenario europeo la maggior parte dei dipendenti di enti ed aziende, per poter compiere correttamente il proprio lavoro,  non deve necessariamente essere un autentico esperto della materia, ma deve in ogni caso deve avere l’autorizzazione del proprio datore di lavoro a trattare i dati personali. I dati vengono trattati per conto del datore di lavoro e i titolari devono istruire i loro collaboratori sulle nozioni basilari della legge sulla privacy, come previsto dall’art.29 del Regolamento UE 2016/679.

La privacy in 10 video

Per aiutare chi lavora in questo ambito a conoscere meglio il Gdpr, Federprivacy ha realizzato un breve corso gratuito online di circa 30 minuti. “Il corso è strutturato con 10 videoclip  realizzati come parodia della celebre sitcom tv ‘Camera Café’ ed ambientati in un ipotetico break di un corso di formazione aziendale. Durante il corso, il partecipante deve rispondere anche ad una serie di domande per dimostrare di aver appreso i concetti e ottenere l’attestato di partecipazione, che viene rilasciato al superamento del punteggio minimo richiesto di 60/100 direttamente sul sito istituzionale al termine del percorso” fa sapere una nota di Ferprivacy.

Non solo per i professionisti

Il corso, a cui si accede semplicemente registrandosi sul sito Federprivacy, non è stato concepito esclusivamente per chi deve trattare i dati personali per motivi di lavoro. “Quello alla privacy è un diritto fondamentale sancito dall’Unione Europea che dovrebbe essere conosciuto non solo dagli addetti ai lavori, ma anche dai cittadini, specialmente quando firmano contratti, navigano in internet, o usano i social network. Per questo – spiega Bernardi – abbiamo realizzato questo corso online a beneficio di tutti gli utenti, sia professionali che privati, per dare un contributo che auspichiamo possa essere utile all’intera collettività per diffondere una maggiore cultura della protezione dei dati personali, e dei diritti che sono riconosciuti all’interessato” , spiega Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy.

Commissione UE dà l’ok alle tecnologie salvavita sulle strade

Obiettivo, ridurre il numero delle vittime e dei feriti a causa di incidenti stradali sulle strade dell’Unione Europea. Questa è la priorità contenuta nella direttiva adottata dalla Commissione UE, che aggiorna il quadro normativo attuale relativo alla sicurezza in ambito mobilità per il mercato interno del Parlamento europeo. In particolare, nel testo si chiede di rendere più avanzati i dispositivi di sicurezza nelle diverse categorie di veicoli venduti sul mercato dell’Unione. La proposta intende adattare le attuali regole ai cambiamenti avvenuti nei comportamenti relativi alla mobilità. Cambiamenti derivanti dalle tendenze in atto in una società che “invecchia”, e che riguardano, tra gli altri, anche una maggiore presenza di ciclisti e pedoni.

Assistenza intelligente alla velocità obbligatoria su tutti i veicoli

Tra le caratteristiche di sicurezza più avanzate, che diventeranno obbligatorie su tutti i veicoli in circolazione, c’è ad esempio l’assistenza intelligente alla velocità. Si tratta di un dispositivo capace di riconoscere il respiro umano attraverso un sensore in grado di rilevare la presenza o meno di alcol, ma anche di “lanciare” un avviso di attenzione in caso di sonnolenza del guidatore, oppure, di allertare il conducente con un avvertimento avanzato in caso di distrazione che comporta un segnale di arresto di emergenza. Per le autovetture nuove e i veicoli commerciali leggeri saranno necessari anche un sistema avanzato di frenata d’emergenza, e un sistema di allerta nel caso l’auto non rispetti la segnaletica orizzontale.

Nuove disposizioni per camion e autobus

La direttiva contiene anche disposizioni per camion e autobus, che ora dovranno essere progettati e costruiti per fare in modo che i ciclisti e i pedoni siano maggiormente visibili a chi guida questo tipo di veicoli. Ta le disposizioni, ad esempio, vi è l’adattamento dell’altezza della cabina del conducente. Un requisito, che secondo gli eurodeputati, serve a “rimuovere gli angoli ciechi davanti al posto di guida, e ridurre significativamente quelli attraverso i finestrini laterali”.

Nel 2017 25.300 persone hanno perso la vita e 135.000 sono rimaste gravemente ferite

La proposta è stata approvata in commissione con 33 voti favorevoli, 2 contrari e nessuna astensione, riferisce una notizia Ansa  Il mandato di avviare i negoziati con il Consiglio è passato con 31 voti favorevoli, 3 contrari e senza astensioni, e dovrebbe ottenere il via libera all’intero Parlamento nella sessione plenaria che si terrà nei giorni dall’11 al 14 marzo prossimi. Nella nota del Parlamento europeo si ricorda inoltre che nel 2017 a causa di incidenti sono state 25.300 le persone che hanno perso la vita sulle strade dell’Unione, e 135.000 sono quelle rimaste gravemente ferite.

Le novità introdotte dal nuovo Regolamento Comunitario

Le sanzioni previste per tutte quelle aziende o imprese che non si sono ancora adeguate al nuovo regolamento comunitario, il cosiddetto GDPR 2016/679, sono piuttosto elevate ed è bene anche per questo motivo riuscire ad adeguarsi velocemente alla nuova normativa, se non lo si è ancora fatto.

Le novità introdotte dal nuovo Regolamento Comunitario, il GDPR 2016/679, prevedono delle sanzioni non indifferenti per tutte quelle realtà che non si adeguano. Nel dettaglio, qualora una azienda non andasse a trattare in maniera corretta i dati personali di dipendenti, fornitori o clienti, andrebbe incontro ad una sanzione amministrativa che può ammontare fino a 20.000 euro o sino al 4% del fatturato annuo relativo al precedente esercizio. Si tratta dunque di cifre importanti, ed è bene per questo evitare di correre anche semplicemente il rischio di potervi incappare e vedere andare in fumo parte dei propri guadagni. Adeguarsi al nuovo regolamento può non essere semplice per chi non ha grande dimestichezza con determinati aspetti legislativi o per chi è troppo impegnato a dedicarsi al proprio business per trovare il tempo di approfondire lo studio di questo nuovo ed importante regolamento, volto a migliorare la privacy e la tutela di tutti noi.

A questo proposito diventano preziosi i corsi privacy che Area 81 S.r.l. propone: questa azienda della provincia di Monza, da sempre impegnata nel settore della sicurezza e adempimenti aziendali in Lombardia, propone degli interessanti corsi grazie ai quali ogni azienda può capire come gestire al meglio i dati personali di dipendenti, fornitori o clienti. Ciò significa che al termine del corso sarà perfettamente chiaro quale sarà il modo corretto di acquisire, gestire e conservare i dati personali, ma anche di ottemperare a tutte le altre regole previste dal nuovo regolamento, come ad esempio il modo in cui viene raccolto, laddove previsto, il consenso da parte degli utenti per il trattamento dei dati personali, o ancora il modo in cui essi vengono informati del fatto che i loro dati saranno trattati in maniera conforme da quanto previsto dal nuovo regolamento. Una ottima opportunità dunque, per adeguarsi alle nuove direttive ed evitare di incappare in importanti sanzioni amministrative.

Ricerca vocale e dati biometrici, i trend del viaggiatore italiano

Oltre a utilizzare con sempre maggior frequenza tecnologie innovative per individuare possibili destinazioni, hotel e voli, il 74% dei viaggiatori italiani, ben oltre la metà, sostiene di essere disponibile anche a offrire i propri dati biometrici, se questo potesse ridurre i tempi di attesa durante i controlli di sicurezza negli aeroporti. Non solo controllo delle impronte digitali, ma anche lettura della retina dell’occhio e riconoscimento facciale per completare il processo di imbarco senza più dover presentare carte o passaporti.

E se il 36% dei turisti italiani ricerca e prenota i propri viaggi interamente sul proprio smartphone, il 49% di loro si affida allo strumento di ricerca vocale per trovare le proprie soluzioni di viaggio.

Prenotare con lo smartphone ed evitare gli hotel col WiFi a pagamento

Si tratta di alcuni dati provenienti dalla Ricerca Globale Travelport sul Viaggiatore Digitale 2018, condotta da Toluna Research nell’agosto 2018 in 25 Paesi di tutto il mondo, su oltre 16.200 viaggiatori di cui 500 italiani.

Sempre secondo la Ricerca due terzi (64%) dei viaggiatori, poi, evita gli hotel che fanno ancora pagare il WiFi. Ma i viaggiatori italiani intervistati hanno anche dimostrano di essere piuttosto dipendenti dai loro cellulari per gestire le prenotazioni. Uno su quattro (37%) afferma addirittura che non poter accedere alla propria prenotazione sui dispositivi mobili 24 ore su 24 sia doloroso e frustrante.

Strumenti e servizi digitali per ogni fase del viaggio

“I risultati della Ricerca Globale Travelport sul Viaggiatore Digitale 2018 evidenziano la crescente popolarità in Italia di strumenti e servizi digitali per ogni fase del viaggio, dalla ricerca fino alla fine del viaggio – spiega Sandro Gargiulo, Country Manager di Travelport per Italia e Malta . Questa richiesta di strumenti digitali continuerà solo perché le persone cercano modi sempre più convenienti per effettuare transazioni, non solo per quanto riguarda i viaggi, ma in ogni parte della loro vita”

“I viaggiatori di oggi sono già entusiasti delle tecnologie future”

Il settore globale dei viaggi e hospitality vale 7,6 miliardi di dollari, e necessita di essere costantemente all’avanguardia nel fornire servizi dinamici, adeguati al contesto e tempestivi nei confronti dei clienti. “Tutti possiamo vedere come la tecnologia sta cambiando quasi ogni aspetto della nostra vita – aggiunge Gordon Wilson, Presidente e CEO di Travelport -. È bello vedere la conferma che i viaggiatori di oggi sono già così entusiasti delle tecnologie future quanto lo siamo noi che stiamo lavorando per crearle”.

Buoni propositi per il 2019. Come iniziare bene con il decluttering

Anno nuovo: è il momento dei buoni propositi. Come ad esempio quello di fare ordine e organizzarsi meglio, ovvero, fare un po’ di decluttering. Che significa appunto mettere in ordine e fare spazio eliminando il superfluo. L’esigenza di riordinare di spazi e tempi, però, a volte viene disattesa, e ci si trova con la sensazione di essere ancora più sopraffatti. Prima di tutto quindi è necessario riordinare le idee. E per passare dalle intenzioni ai fatti Sabrina Toscani, esperta di organizzazione, fondatrice di Organizzare Italia, e autrice del libro Facciamo Ordine, offre qualche consiglio a chi intende dedicarsi a un decluttering efficace.

Sistemare la casa e riporre gli oggetti “stagionali”

Il consiglio di Toscani è quello di “scrivere su un foglio quali parti della casa si ritiene debbano essere riordinate, magari facendo uno schizzo della pianta della casa e indicando a grandi linee con vari colori le zone a seconda delle criticità”, suggerisce Toscani. Ad esempio, rosso per gli interventi più urgenti, arancione per le aree che possono aspettare, e verde quelle che vanno bene così. Dopo le Feste, poi, c’è una quantità di nuovi oggetti, tra regali e addobbi, che andranno riordinati. Per gli oggetti stagionali, Toscani propone di mettere in un’unica area tutte le decorazioni natalizie, buttare ciò che non funziona più o è rotto, riporre in scatole resistenti e mettere l’etichetta, in modo che sia facile ritrovare tutto e velocemente.

Consigli di smaltimento: “Tenere solo ciò che piace ed è utile”

Per evitare che in ripostigli e armadi regni il caos, riporta Adnkronos, la prima regola, valida in ogni periodo dell’anno, è quella di non sovraffollarli. “Anche il più perfetto sistema organizzativo può essere messo in crisi dalle troppe cose – prosegue Toscani -. Tenere solo ciò che piace ed è utile consente di creare più spazio per ciò che ci fa star bene “. Il sistema migliore quindi è passare in rassegna oggetti e vestiti, e per ciascuno prendere una decisione: se ci piace ed è utile, tenerlo, se non ci piace o non serve, ma è funzionale, regalarlo. Se invece è rotto o vecchio, buttarlo.

Dieta sana e cucina organizzata

Tra i buoni propositi, dopo le Feste, spesso rientra anche quello di una dieta sana. E per programmare una dieta sana si passa da una dispensa ben organizzata. “L’organizzazione della cucina e della dispensa rendono più facile raggiungere questo obiettivo e sono un valido supporto per andare avanti in questo proposito – consiglia Toscani -. Per cui dovremo creare menu salutari e completi, adeguare la lista della spesa a ciò che abbiamo scelto di mangiare e la dispensa dovrebbe contenere solo ciò che abbiamo selezionato per la nostra sana alimentazione”. Basta ripetere per qualche settimana questo procedimento per garantirsi pasti salutari, niente sprechi, idee chiare ai fornelli. E un po’ di tempo libero in più.